fbpx
Seleziona una pagina

Social Guide è la nuova rubrica di Radio 6023 che ha come obiettivo la sensibilizzazione e la condivisione di tematiche sociali attraverso il mezzo radiofonico e dei social network. Il primo tema di questa rubrica saranno i DSA, ovvero i Disturbi Specifici dell’Apprendimento.

Social Guide: cosa sono i DSA?

Per rispondere a questa domanda, abbiamo chiesto al nostro stagista Gabriele Borra. Nessuno meglio di Gabriele poteva realizzare questo podcast: egli, infatti, soffre di tutte le forme di DSA, il che rende la sua testimonianza ancora più preziosa. Gabriele aveva già parlato dei DSA anche per “La Voce di Novara”, qui. Le puntate sui DSA saranno in rotazione sul nostro canale Spotify a partire da martedì 28 settembre, una a settimana.

Per dare il via a Social Guide, Gabriele descriverà i quattro tipi di DSA: dislessia, discalculia, disgrafia e disortografia. Essi riguardano le difficoltà legate alla lettura, al calcolo e alla scrittura. Per essere tutelati in quanto portatori di DSA, occorre fare riferimento alla legge 170/2010; essa individua delle misure compensative, così da permettere a chi soffre di DSA di apprendere allo stesso livello degli altri.

DSA – La dislessia

La dislessia è il DSA che si manifesta con la difficoltà nella lettura. Essa complica la trasformazione dei segni grafici in suoni, così da rendere difficile la lettura soprattutto se ad alta voce.
I suoi segnali sono molti, come la lentezza nella lettura o nell’inversione di parole e lettere mentre si legge. Un altro segno di dislessia è la difficoltà nel ricordare cosa si legge dimenticando, ad esempio, come è iniziata una frase.
Per compensare le difficoltà della dislessia, è utile leggere ad alta voce o affidarsi agli audiolibri, in modo da sentire il testo letto da un’altra persona.

DSA – La discalculia

Diversamente dal precedente, la discalculia è il DSA che riguarda l’elaborazione mentale dei numeri. I soggetti che soffrono di discalculia hanno difficoltà ad usare le nozioni base di calcolo, come addizioni, sottrazioni e via dicendo.
Per loro, anche imparare le tabelline rappresenta una difficoltà; nonostante quelle del 3, del 5 e del 10 siano abbastanza semplici, la difficoltà aumenta su tutte le altre.
Uno strumento fondamentale per i discalculici è la calcolatrice, in modo da rappresentare i numeri con ordine. Oltre ad essa, è raccomandato l’uso di manuali di matematica delle scuole elementari.

DSA – Disgrafia

Con “disgrafia” si intende quel DSA che si manifesta con la scorretta scrittura dei segni grafici a mano. Anche questo deficit, come i precedenti, si osserva già dall’infanzia e riguarda soprattutto la scrittura in corsivo.
Il metodo più efficace per compensare questo DSA è l’allenarsi a scrivere: per fare ciò, esiste uno strumento chiamato impugnafacile. Esso mostra come impugnare correttamente una biro per la scrittura. Atri strumenti utili sono Word e Google Drive, poiché suggeriscono le parole da utilizzare; essi sono un prezioso aiuto, tuttavia non devono sostituire la scrittura a mano.

DSA – Disortografia

La disortografia, infine, è il DSA correlato alla disgrafia ma che presenta altre difficoltà: infatti, esso rende complicata la realizzazione degli elaborati scritti con errori ortografici, fonologici e non fonologici e fonetici.
Questo DSA si osserva soprattutto con l’inversione semantica dei verbi come, ad esempio, “andare” e “venire”.
Un modo utile per compensare questo DSA è il ripetere lo spelling delle singole parole, o l’uso della videoscrittura.

I cookies servono a migliorare i servizi e ad ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione senza modificare le impostazioni del browser, accetti di ricevere tutti i cookies del sito web.