fbpx

Martedì 23 febbraio, al Teatro Coccia, si è svolta la conferenza stampa di presentazione dei prossimi spettacoli della stagione Resilienza.

Sono stati annunciati i nuovi titoli della programmazione inverno/primavera. La prossima parte della stagione Resilienza, che si concluderà a giugno, vede la realizzazione di nuovi format e commissioni, continuando a dare spazio ai giovani. Il tutto rientrerà, come sempre, nel progetto cittadino La cultura è essenziale.
Nei primi mesi sono previsti spettacoli adattabili alla formula in streaming, ma facilmente riproponibili in presenza quando sarà possibile.

Gli interventi

Fabio Ravanelli, presidente della Fondazione Teatro Coccia, ha definito questa stagione con tre parole: resilienza, creatività e innovatività. Parole che riassumono l’uso dello streaming, la commissione di opere ad artisti giovani ed emergenti e la multidisciplinarietà degli spettacoli. Parlando di prospettive future ha poi paventato la possibilità di creare un circuito teatrale piemontese per diffondere le opere teatrali prodotte proprio in regione e stimolare la ripresa dei teatri. Il Coccia ha infatti in programma tra il 2021 e il 2022 otto/nove produzioni.

Presente anche il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, il quale ha ricordato che la crescita economica passa per la crescita culturale. Per la cultura, dunque, servono sostegni concreti. In Piemonte è già stanziato un fondo di 10 milioni di euro per coloro che non rientrano nei parametri per ottenere sostegni dallo Stato. Cirio ha riferito che si sta pensando di ampliarlo per permettere l’ammissione a più professionisti dell’arte. La Regione, dice, vuole << seminare, curare e poi raccogliere insieme alla comunità di Novara i frutti di questa eccellenza mondiale >>.

Riccardo Lanzo, consigliere della Regione Piemonte, auspica che, investendo sul Coccia, questo teatro sia uno spazio fisico, ma anche simbolico, per creare bellezza. Ciò sarà possibile anche grazie alle collaborazioni tra la Fondazione e le associazioni partner.

Alessandro Canelli, Sindaco di Novara, parlando dei problemi finanziari e strutturali che il Teatro Coccia aveva prima della pandemia, ha sottolineato gli impegni e investimenti fatti dal Comune, dalla Regione e dalla Fondazione in sinergia.

La stagione

Dopo gli interventi, il direttore del Teatro Coccia Corinne Baroni ha presentato Un paio in tre, una delle micro opere in programma a metà marzo. Si tratta di un nuovo format di breve durata introdotto quest’anno, che vedrà la partecipazione di giovani compositori e drammaturghi. Il format vuole andare incontro al pubblico odierno e adattarsi al numero ridotto di attori sul palco, per ragioni di sicurezza, conservando però lo spirito della tradizione del melodramma. Tra queste anche Dormire, guarire forse, che andrà in scena a maggio per la Giornata dell’infermiere. Come dei cortometraggi eseguiti sul palco, le micro opere orneranno la stagione alternandosi a spettacoli di durata tradizionale. 

Ci sarà anche un format dedicato ai più piccoli, Chi ha paura del melodramma?. Accompagnati dal personaggio del Bianconiglio di Alice nel Paese delle meraviglie, i bambini vedranno online l’opera da camera I viaggi di Gulliver da sabato 27 febbraio. Per loro anche la fiaba Cendrillon, in scena ad aprile.

Il 7 marzo Resilienza vedrà poi uno spettacolo di e sulla danza, Un secolo di tango – Omaggio ad Astor Piazzolla. Infine, a maggio il concerto Petite messe solennelle.

Tutti questi spettacoli saranno fruibili in streaming sul canale YouTube del Teatro Coccia e su A-Novara.

Con la speranza di poter tornare fisicamente in teatro, chiudono la stagione le opere. Quelle micro dei I corti del Coccia (tutto in una notte), poi l’opera buffa tratta da Cechov, Una domanda di matrimonio. Dunque, per chiudere in bellezza, Rapimenti d’amore, spettacolo commissionato in occasione delle celebrazioni dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri.

Potete consultare il calendario del Teatro Coccia e seguire lo svolgimento della stagione Resilienza qui.

I cookies servono a migliorare i servizi e ad ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione senza modificare le impostazioni del browser, accetti di ricevere tutti i cookies del sito web.

LIVE OFFLINE
track image
Loading...