fbpx
Seleziona una pagina

Uno spazio per potersi confrontare con l’Unione Europea

Voi vi chiederete: “Come possiamo influire con le nostre proposte sull’Unione Europea?” “Perché sono stati stanziati così tanti fondi dall’Unione Europea?” “Quali sono le aree economiche che beneficeranno di questi fondi?” Domande più che legittime per i non addetti ai lavori. Ci pensa il progetto Next Gen U a rispondere.

Next Gen U è il progetto frutto della supervisione di Compagnia di San Paolo di Torino. Il coordinamento scientifico è supervisionato dall’ex parlamentare europeo Daniele Viotti, attivo come unico rappresentante italiano presso la Commissione Bilancio dell’Unione Europea, dal 2014 al 2019.

Next Gen U: obiettivi e realtà coinvolte

L’idea del progetto, infatti, è quella di approcciare i giovani dai 14 ai 25 anni avvicinandoli ai temi europei. Tutto ciò, inoltre, è realizzato senza dividersi in fazioni ideologiche e politiche, ma con l’obiettivo di instaurare un dibattito duraturo e costruttivo su come i 27 membri dell’UE intendono affrontare le incognite del futuro. A questo progetto hanno deciso di aderire:

  • lo “Spazio Nova” di Novara;
  • il palazzo del tribunale di Savona;
  • lo spazio giovani “Il Kantiere” di Verbania;
  • l’Informagiovani di Vercelli, in una rete che ha coinvolto anche 6023 APS ETS che non è nuova a comunicare l’Europa e avvicinare ad essa i giovani universitari;
  • la casa di quartiere “Borgo Rovereto” di Alessandria;
  • la cittadella dei giovani di Aosta;
  • lo “Spazio Kor” di Asti;
  • il cinema teatro “Magda Oliviero” di Saluzzo;
  • lo “Spazio Hydro” di Biella;
  • i giardini “Luzzati” di Genova”;
  • il centro di aggregazione giovanile “Puerto” di Imperia;
  • lo “Zac!” di Imperia;
  • il circolo ARCI “Canaletto” di La Spezia;
  • la casa “Arcobaleno” di Torino.

Attraverso diversi cicli di incontri e la realizzazione di 6 podcast queste realtà hanno partecipato attivamente per raccontare l’Unione Europea. Un messaggio per i giovani attraverso le voci dei giovani.

Next Gen U

L’apporto dei ragazzi e delle ragazze al progetto Next Gen U: i primi tre episodi

Per poter raggiungere un vasto pubblico e discutere dei fondi stanziati dall’Unione Europea, i ragazzi e le ragazze delle varie realtà coinvolte hanno utilizzato il mezzo del podcast per veicolare i pensieri legati al progetto e alle sue funzionalità. I sei podcast hanno spiegato in che modo sono strutturate le azioni dell’UE, mediante i progetti da essa finanziati.

EPISODIO 1Introduzione: come funziona il Bilancio europeo?

Nel primo episodio si è parlato delle motivazioni per cui i i 27 membri dell’Unione Europea hanno deciso, di comune accordo, di sovvenzionare le economie europee dilaniate e disastrate dal crescenti complicazioni causate dal dilagare della pandemia di Covid-19. Un racconto con la voce dall’ex parlamentare europeo Daniele Viotti, che ne ha delineato le linee guida e i piani d’azione per il prossimo futuro.

EPISODIO 2 – Plasmare il futuro dell’Europa: mercato unico, innovazione e agenda digitale

Un viaggio alla scoperta di Horizon Europe. Che cos’è? Si tratta del progetto UE che con una spesa di 149,5 miliardi di euro vuole migliorare le competenze negli ambiti tecnico-scientifico e medicinali.

EPISODIO 3 – Finanziare la coesione: risorse per un’Europa più unita

Come rendere più uniti e solidali i cittadini europei, facendoli sentire ognuno a casa in ogni singolo angolo d’Europa? In questo podcast viene spiegato come valorizzare la coesione europea. Un contributo rivolto anche a coloro che vengono dalle zone extra UE e che decidono di abbracciare i valori fondanti della Comunità Europea.

Next Gen U: i capitoli finali del podcast che avvicina i giovani all’Europa

EPISODIO 4 – Verso un’Europa più verde: vi presentiamo il Green Deal Europeo

In questo quarto episodio è stato spiegato come l’Unione Europea intende combattere il cambiamento climatico e dare un nuovo corso alle proprie industrie, perlopiù incentrate ancora sul consumo di petrolio, gas e carbone per la produzione di beni o di energia.

EPISODIO 5 – Oltre i confini dell’Europa: sicurezza e migrazioni

Un podcast informativo per spiegare spiegare i continui flussi migratori dall’Africa e dall’Asia minore, luoghi in cui in perversano continui guerre civili e carestie. In questo episodio sono stati forniti numeri e dati su un fenomeno ampliamente dibattuto nell’opinione pubblica, cercando anche di trovare delle soluzioni.

EPISODIO 6 – Conclusione: c’è speranza per un Bilancio più equo?

Nell’ultimo episodio, infine, i ragazzi e le ragazze del progetto Next Gen U hanno discusso dell’Unione Europea, in un brainstorming sugli aspetti positivi e sui limiti attuativi dell’istituzione europea.

Perché seguire i podcast è così importante?

Potrà sembrare una domanda banale, ma invece è più che legittima. Il progetto Next Gen U ha spiegato in modo semplice e diretto i meccanismi con funziona l’Unione Europea e i fondi che serviranno per risollevare le economie europee dalla pandemia di Covid-19. Purtroppo troppo spesso crediamo di sapere tutto dell’Unione Europea, e invece molto spesso non è così. Nell’incontro tra varie realtà diverse tra loro viene dato spazio ai dubbi dei giovani cittadini europei e alle possibilità soluzioni che l’Unione Europea fornirà ai nostri problemi quotidiani.

Anche per il 2022 si conferma la seconda edizione del progetto Next Gen U e 6023 insieme ai giovani del Servizio Civile di Vercelli stanno già lavorando al monitoraggio civico di azioni del PNRR sul territorio vercellese.

Segui i nostri canali per rimanere sempre aggiornato!

 

 

I cookies servono a migliorare i servizi e ad ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione senza modificare le impostazioni del browser, accetti di ricevere tutti i cookies del sito web.