fbpx
Le dottoresse Giorgia Colombo e Marta Serafini e il Professore Gianni Paganini hanno ottenuto riconoscenze importanti nei propri campi di studio e ricerca.

Infatti, la Fondazione AIRC per la ricerca sul cancro finanzierà, con borse di studio dedicate, due ricerche biennali curate dalle due giovani ricercatrici, la dottoressa Giorgia Colombo e la dottoressa Marta Serafini. Le due studiose hanno da poco concluso il dottorato di ricerca al Dipartimento di Scienze del Farmaco UPO.

La dottoressa Giorgia Colombo, laureata in Farmacia all’Università del Piemonte Orientale, ha presentato un progetto incentrato su uno dei tumori alla mammella, chiamato triplo-negativo, per il quale esiste un numero molto ristretto di terapie. Il progetto si svolgerà nel laboratorio guidato dal direttore del DSF Armando Genazzani e vedrà coinvolte anche la dottoressa Cristina Travelli, già ricercatrice all’UPO e oggi docente dell’Università di Pavia, e la Prof.ssa Alessandra Gennari del Dipartimento di Medicina traslazionale UPO.

Invece, la dottoressa Marta Serafini, già eletta in passato migliore studentessa del Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, ha vinto una borsa di studio per andare ad Oxford (Regno Unito) dove cercherà di sintetizzare e sviluppare nuove molecole in grado di degradare proteine tumorali per combattere il carcinoma all’esofago attraverso una strategia innovativa che si chiama PROTAC, dimostrando la competitività internazionale dell’intera chimica farmaceutica novarese.

Spostandoci dall’altra parte del pianeta, è stato pubblicato in Giappone dalla Japan Society for the Promotion of Science il volume Scepticism and Belief from Bodin to Hume, a cura di Gianni Paganini, ordinario di Storia della filosofia al Dipartimento di Studi umanistici di Vercelli. Il volume raccoglie, tradotte, le lezioni di Storia della filosofia tenute dal prof. Paganini, in qualità di visiting professor durante la permanenza del professore in Giappone.