fbpx

I teatri del Piemonte Orientale aderiscono a Facciamo luce sul teatro, l’iniziativa dell’associazione Unita.

Poco più di un anno fa abbiamo registrato i primi contagi da Coronavirus in Italia e, con i primi decreti governativi, i teatri, prima a Nord, poi anche al Centro e al Sud, sono stati chiusi per limitare la diffusione del virus. 

Da allora non è stata ancora pensata una modalità di gestione che possa permettere la riapertura di questi luoghi. Per tale ragione, l’associazione U.N.I.T.A. (Unione Nazionale Interpreti Teatro e Audiovisivo) ha dato il via all’iniziativa Facciamo luce sul teatro. Con essa invita tutte e tutti coloro che dirigono i teatri italiani, ovunque possibile, a illuminare e tenere aperti i propri edifici la sera di questo lunedì 22 febbraio, dalle 19,30 alle 21,30. 

Questo gesto vuole riportare l’attenzione sui teatri e sulle difficoltà che stanno vivendo i lavoratori dello spettacolo. Unita infatti chiede al nuovo governo e alla cittadinanza che si torni a parlare di Teatro. Non solo programmando, ma anche rendendo pubblico un piano che porti il prima possibile alla riapertura in sicurezza

L’iniziativa ha riscontrato una fortissima partecipazione in tutta Italia. È possibile consultare la lista del teatri aderenti, in continuo aggiornamento, sul sito di Unita. Fra questi, sul territorio del Piemonte orientale, partecipano a Novara il Teatro Faraggiana e il Teatro Coccia. Quest’ultimo, non potendo ospitare il pubblico, lascerà intravedere dalle proprie vetrine una

Alice Monetti, presidente dell’Officina teatrale degli Anacoleti, prepara lo striscione

performance.
A Vercelli il
Teatro Civico si illuminerà di luci verdi, bianche e rosse, che rappresentano la volontà di rimanere uniti. L’Officina teatrale degli Anacoleti, oltre ad aver acceso le luci in sala, ha posto uno striscione su Corso de Gregori per dichiarare a gran voce la partecipazione sentita all’iniziativa. Ad Asti, infine, saranno illuminati il Teatro Alfieri e lo Spazio Kor.

Saranno rispettate, naturalmente, le norme di sicurezza per tutta la durata dell’evento. Inoltre chiunque vorrà potrà lasciare un pensiero sul registro fornito dal teatro, oppure su un foglio portato da casa. Si tratta di un invito, rivolto a tutti i cittadini, a partecipare e mostrare la propria vicinanza con la propria presenza fisica. In questo modo emerge, e si ritrova in parte, il carattere essenziale della corporeità e del pubblico nell’esperienza teatrale.

Unita, insieme a tutti i teatri e i lavoratori dello spettacolo, vi invita a partecipare numerosi.

I cookies servono a migliorare i servizi e ad ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione senza modificare le impostazioni del browser, accetti di ricevere tutti i cookies del sito web.

LIVE OFFLINE
track image
Loading...