Nuova puntata di “Upo nel Pallone”, questa volta in leggero ritardo rispetto al consueto appuntamento del mercoledì a causa del turno settimanale che ha coinvolto le squadre del girone A di serie C. Di conseguenza, nello spazio immediatamente successivo, non troverete il risultato di una partita delle squadre del Piemonte Orientale… ma ben due! Ma ora bando alle ciance, è tempo di passare dalle parole ai fatti di cronaca.

Novara, c’è ancora tanto da lavorare

Cronaca nera nel caso del Novara. Gli azzurri domenica sono stati vittime di una cocente delusione a Carrara dove i padroni di casa si sono imposti per 4-2. Eppure la squadra di Viali non era partita col piede sbagliato, tutt’altro: ben messa in campo nel primo tempo, pronta a pungere in contropiede e soprattutto incisiva al 21′ con Cattaneo che sfrutta il bell’assist di Manconi per sbloccare il match e firmare la sua prima rete con la nuova maglia. Nella ripresa il crollo. Al 10′ il tocco di mano in area di Cinaglia provoca il rigore che un maestro come “Ciccio” Tavano non può sbagliare. Il contraccolpo è evidente perché al 17′ l’ex attaccante, tra le altre, di Valencia e Roma serve l’assist a Caccavallo per il vantaggio toscano. Peccato che l’autore del gol nell’occasione frana su Di Gregorio, costretto a dare forfait: episodio quantomeno dubbio. Gli ospiti escono dal campo e la Carrarese ne approfitta ancora con Tavano per il 3-1 al 36′ prima del poker ancora di Caccavallo al 41′. Il gol di Sansone in pieno recupero serve solo a rendere meno amaro il passivo.

Luca Cattaneo (fonte www.alfedopedulla.com)

Situazione che si è poi complicata ulteriormente dopo la sconfitta di mercoledì nel cosiddetto “Derby del Ticino” contro la neopromossa Pro Patria. Il Novara andato in scena tra le mura amiche è stato praticamente evanescente, lasciando il pallino del gioco agli avversari. Solo nella ripresa ha avuto le occasioni migliori ma Eusepi le ha sciupate malamente in almeno due occasioni. Risultato? A 6′ dal termini i lombardi passano col sigillo di Mastroianni lasciando ancora una volta tanti interrogativi su questa squadra chiamata già ad una risposta importante al più presto.

La terza magia della Pro Vercelli

Bustocchi che già erano sotto la nostra lente d’ingrandimento domenica visto che l’ospite allo “Speroni” portava il nome di Pro Vercelli, impostasi alla fine per 1-0, inanellando così la terza vittoria consecutiva in altrettante partite dall’inizio del campionato. Un avvio da urlo e, per certi versi, inaspettato da parte delle bianche casacche di Vito Grieco. Vercellesi che poi hanno potuto ricaricare le pila poiché esentati dal turno infrasettimanale che li avrebbe visti di scena al “Piola” contro la Virtus Entella, quest’ultima ancora alla prese con la questione ripescaggi e ancora nel “limbo” tra serie C e cadetteria.

Germano (fonte: www.tuttomercatoweb.com)

Tornando ai fatti di campo, a risolvere il match contro i ticinesi a proprio favore ci ha pensato Germano, autore di un eurogol al 20′ del primo tempo: il suo tiro da fuori area è risultato imparabile infilandosi proprio l’incrocio dei pali. Da quel momento in poi la contesa non cambia e a festeggiare sono ancora una volta i piemontesi. Un aggettivo? Inarrestabili.

Continua la “pareggite” dell’Alessandria

Manca ormai da troppo tempo l’appuntamento coi tre punti per i grigi che già domenica non avevano propriamente brillato tra le mura amiche. Il secondo pareggio consecutivo al “Moccagatta” (il primo con la Lucchese) col Siena è maturato dopo il vantaggio alessandrino con De Luca nei primi 45′: ottimo l’assist e la prova dell’esterno Sartore, rovinata nella ripresa con l’intervento in piena area di rigore sull’attaccante senese Gliozzi. Quest’ultimo ha poi trasformato il penalty del definitivo 1-1.

De Luca, ai tempi delle giovanili del Torino (fonte: www.stol.it)

Molto più convincente è stata invece la prova di mercoledì in terra sarda, contro l’Olbia. La squadra di Gaetano D’Agostino si è mostrata molto propositiva… ma il neo dell’attacco che fatica a capitalizzare ha portato il pareggio a reti bianche come l’inevitabile conseguenza. Nel primo tempo sono almeno due le occasioni nitide dell’Alessandria: la prima con il tiro al volo di Santini che scheggia la traversa seguita da De Luca che si incarta col pallone tutto solo davanti al portiere ospite. Anche nella ripresa, pur esponendosi a qualche ripartenza dei padroni di casa, gli ospiti mantengono il pallino del gioco ma non quanto basta per pungere l’avversario. Alessandria e la vittoria restano work in progress.

Gozzano, altri due punti che danno morale

Trittico toscano anche per la matricola Gozzano. Vero, lo storico traguardo del primo successo nella terza serie italiana manca e l’assenza ora comincia a farsi sentire. Tuttavia alzi la mano chi non si sarebbe aspettato un avvio impegnativo per questa rosa che, è bene ricordare, fin qui si è dovuta misurare con avversari di primissimo spessore. Meno bene i rossoblù in realtà nel primo dei due incontri, vale a dire il posticipo di lunedì con la Lucchese, ospite al “Piola” di Vercelli. Partita praticamente perfetta degli ospiti che con il loro costante pressing mettono alle corde il Gozzano fin da subito. Il vantaggio arriva già al 6′ con la punizione di Lombardo respinta da Gilli, rientrante tra i pali, prima della ribattuta vincente di Sorrentino. Padroni di casa che faticano a rialzare la testa ma, quando tutto sembrava orientato verso una meritata sconfitta, la Lucchese rimane in dieci all’ ’89 per l’espulsione di Favale. A quel punto gli uomini di Soda ci credono e allo scadere Ronaldo viene atterrato in area da Mauri: per l’arbitro non ci sono dubbi, calcio di rigore che lo stesso attaccante realizza facendo esplodere di gioia il tifo amico.

Rolando, qui in maglia Sporting Bellinzago (fonte: www.notiziariocalcio.com)

Molto meglio i cusiani nella trasferta di ieri sera a Pontedera ma il risultato non cambia. Anche in questo caso ospiti in svantaggio, praticamente una costante, con il gol al 5′ di Tommasini. Tuttavia il Gozzano meriterebbe il pareggio e l’ottiene al 28′. Indovinate con chi? Sempre il puntualissimo Rolando a regalare il quarto punto in serie C ai suoi. Occhio, vero che il numero di partite giocate è dalla parte dei neopromossi, ma i punti ad ora sono gli stessi del Novara Calcio…