Il dramma giocoso in due atti con la musica di Mozart.

 

Venerdì 15 dicembre alle 20.30 va in scena “Don Giovanni – Ossia il dissoluto punito” al Teatro Coccia di Novara (coproduzione con Ravenna Festival), con replica il 17 dicembre alle 16. 

L’allestimento ha inaugurato la 60^ edizione del Festival dei Due Mondi lo scorso 30 giugno, chiudendo così la trilogia mozartiana (con Le nozze di Figaro e Così fan tutte), frutto della collaborazione tra il teatro novarese e il festival di Spoleto, iniziata nel 2015.

Con la musica di W. A. Mozart, Matteo Beltrami dirige l’orchestra Giovanile Luigi Cherubini, con la collaborazione del Coro San Gregorio Magno.

 

 

Opera rappresentata per la prima volta al Teatro Reale di Praga nel 1787, la vicenda si svolge in Spagna.

Don Giovanni (DIMITRIS TILIAKOS) è entrato nel palazzo del Commendatore per sedurne la figlia, Donna Anna (LUCIA CESARONI). Dopo uno scontro con il Commendatore (CRISTIAN SAITTA) Don Giovanni fugge in cerca di altre avventure amorose.

 

 

Ma mentre Don Giovanni cerca di sedurre altre donne, Donna Anna e il suo promesso sposo Don Ottavio (BRIAN MICHAEL MOORE) cercano vendetta per l’assassinio del padre di lei. Ignari, i due sposi chiedono aiuto proprio a Don Giovanni.

Don Giovanni dovrà cercare di risolvere la situazione senza rivelare la sua colpevolezza. Ma alla fine la verità viene a galla e Don Giovanni avrà solo due possibilità: pentirsi, su consiglio di Donna Elvira (FRANCESCA SASSU) o essere inghiottito dall’inferno.

 

 

Don Giovanni in quest’opera è un dissoluto, un fuorilegge braccato, su cui incombe una punizione dal cielo.  La musica esprime perfettamente le relazioni intricate che si intrecciano nel corso dell’opera, fino al tragico finale.

Uno spettacolo da sempre molto apprezzato, da non perdere.

 

Per info sui biglietti clicca qui.
Il sito della Fondazione Teatro Coccia: https://www.fondazioneteatrococcia.it